04 Agosto 2021
News

IL CARO PREZZO DELLA RIPRESA

26-02-2021 12:52 - Ginnastica Artistica
Lo sport è di tutti e per tutti. Questo è il principio che regola qualsiasi ente promozionale sportivo o federazione accreditata.
E’ il principio fondamentale per cui ogni individuo di qualsiasi età possa essere messo nelle condizioni di poterlo praticare in ogni momento della propria vita.
Ma è davvero così? Oppure qualcosa sta cambiando ... sì, ma forse in peggio.

Lunga infatti è la trafila per coloro che hanno affrontato il contagio da COVID 19, cosa buona e giusta se servisse a certificare le buone condizioni di salute per i bambini che vogliano riprendere le attività agonistiche dopo la convalescenza.
Certificare di essersi “negativizzati” giustamente non basta.
Per riprendere gli allenamenti il protocollo obbliga a sottoporre i soggetti a visite specialistiche che ne garantiscano la ripresa fisica senza conseguenza post-contagio.
Prenotare le visite significa una spesa dai 200 Euro che in alcuni casi arrivano quasi a raddoppiare, totalmente a carico della famiglia.

Come associazione polisportiva che da anni promuove la cultura dello sport in tutte le sedi e occasioni possibili, come possibilità di crescita personale, formazione sociale e benessere fisico che appassiona centinaia di atleti che vivono di sport che, nonostante il periodo, hanno continuato ad allenarsi, pur di coltivare la propria passione, nei modi più disparati: all'aperto, on-line, singolarmente, a distanza. Ora ci poniamo questa domanda: è giusto che un atleta debba sostenere un costo così oneroso per tornare all'attività?
È davvero educativo, corretto, sportivo, consentire di far ripartire coloro che possano sostenere il costo di queste visite e lasciare indietro chi non può farlo?
In questo periodo di pandemia, cassa integrazione, attività chiuse, licenziamenti molte famiglie sono in difficoltà, questo prezzo devono davvero pagarlo i bambini, gli atleti a cui e stato insegnato per anni che lo sport è per tutti?
Non è un problema secondario, attenzione!

I ragazzi stanno subendo gravi conseguenze delle distanze forzate, nelle relazioni personali, nella scuola perfino nello sport, ma questa ingiustizia pensiamo sia eccessiva.
Sarà la scelta a cui le famiglie rinunceranno, sarà il motivo per cui molti non si riscriveranno nelle palestre e forse abbandoneranno lo sport, è davvero questo il prezzo che vogliamo far pagare ai nostri atleti?

Noi siamo una modesta realtà territoriale ma crediamo fortemente nel valore sociale della nostra mission. Siamo certi che le nostre istanze verranno da voi attenzionate e vorremmo davvero essere parte di un cambiamento che possa dare un aiuto anche parziale ai nostri atleti. Questo momento, seppur difficile, deve servire per migliorare il sistema attraverso una collaborazione e la forte volontà di tenere il più possibile i ragazzi nelle palestre. Abbiamo il compito morale di non voltare loro le spalle e far sentire la nostra voce!
Ci adopereremo affinché le nostre osservazioni arrivino anche nelle sedi istituzionali quali comuni e assessorati del territorio cui sottoporremo la questione.

Vi ringraziamo per qualsiasi apporto che vorrete condividere con noi, rimaniamo in attesa dei vostri riscontri e vi auguriamo buon lavoro!



Fonte: ASP Montelupo CT
Gianni 26-02-2021
Parole Sante
Brava Cory



Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio



Realizzazione siti web www.sitoper.it
invia ad un amico
chiudi
Attenzione!
Non puoi effettuare più di 10 invii al giorno.
Informativa privacy
Testo dell'informativa da compilare...
torna indietro leggi Informativa privacy  obbligatorio